fbpx

Come si sceglie l’abito da sposa (in un momento così delicato)

I tempi che stiamo vivendo sono particolarmente difficili, soprattutto per chi sta  ultimando i preparativi del proprio matrimonio. In questo articolo mi occuperò di farti capire qual è il metodo corretto per la scelta del tuo abito da sposa in questo periodo così delicato.

Come si sceglie l’abito in emergenza corona virus? Scopriamolo insieme!

Accomodati pure, offro io!

1. Prima di scegliere l‘abito, scegli l’atelier!

scegliere abito sposa

Atelier “Lady Anna” (Sedriano) – Ph. Riccardo Bonetti Photography

Si dà per scontato che ogni atelier sia uguale all’altro, che diano tutti servizi molto simili e che non sia necessaria una scelta vera e propria dell’atelier prima di procedere a quella dell’abito. Questa è una credenza piuttosto comune, quanto errata: la scelta dell’atelier, e quindi del personale che ci lavora, dei servizi che ci verranno erogati e dell’esclusività che riesce a darci durante l’appuntamento è di considerevole importanza.

Innanzitutto è necessario informarsi precedentemente su ciò che l’atelier in questione ci può offrire, magari dando una sbirciata al sito internet e, ovviamente, alle recensioni delle precedenti spose che si sono affidate. 

Il secondo step da fare è evitare di fermarsi al primo atelier visitato, e acquistare durante il primo appuntamento. Perché è una cosa che personalmente sconsiglio? Semplice, perché non ti dà l’opportunità di avere un metro di paragone per quello che riguarda la modalità di assistenza, la tipologia di abiti venduti e il personale che lo gestisce. Il mio consiglio quindi è di prendere appuntamento in un paio di atelier e valutare solo successivamente in quale compiere l’acquisto.

Ricorda: è un tuo diritto affidarti a professionisti che sappiano non solo venderti un abito, ma creare per te una vera esperienza, lavorando in modo eccellente, essendo in grado di gestire le tue preoccupazioni e le tue paure. 

A maggior ragione, in un periodo così delicato come quello che stiamo vivendo, la scelta deve necessariamente ricadere su un atelier che possa essere in grado di sapere come modificare sapientemente il tuo abito, nel caso il matrimonio dovesse essere rimandato. Se fossi costretta a dover posticipare le nozze di molti mesi, e quindi dovessi cambiare totalmente la stagione, la scelta di un atelier con sartoria interna e la presenza in loco di una modellista, potrebbe darti innumerevoli vantaggi: non saresti costretta ad acquistare un abito nuovo, totalmente diverso da quello che hai scelto in precedenza. Ti sarebbe sufficiente richiedere delle modifiche su quello che già avevi acquistato. 

Attenzione! Questo è un lavoro che SOLO una modellista può fare, avendo le capacità tecniche di poter stravolgere completamente forma, taglio e stagionalità di un abito.

( Lo sapevi che a Sedriano esiste un atelier multibrand con natura sartoriale? Parliamo di Lady Anna, gestito da Amato e da Anna, una modellista con oltre 30 anni di esperienza!)

scegliere abito sposa

Atelier “Lady Anna” (Sedriano) – Ph. Riccardo Bonetti Photography

2. Individuato il l‘atelier, procedi alla scelta dell’abito!

scegliere abito sposa

Atelier “Lady Anna” (Sedriano) – Ph. Riccardo Bonetti Photography

La scelta dell’abito non deve essere fatta di fretta, devi avere tutto il tempo di provare diversi tagli, senza escludere a priori modelli che secondo te non ti starebbero bene: questo perché la vestibilità di un abito da sposa è molto diversa dalla vestibilità dei tuoi abiti quotidiani.

Indubbiamente, ciò che devi fare è trovare un abito che valorizzi i tuoi punti di forza, la forma del tuo corpo (sia essa clessidra, mela, o pera).

Come puoi sapere a che categoria appartieni? Facile! Devi semplicemente valutare il rapporto tra la misura delle spalle, quella del punto vita, e quella del punto più largo dei tuoi fianchi.

Se le tue spalle sono importanti,  e sia punto vita sia fianchi sono piuttosto simili tra di loro, il tuo è un fisico a mela.
Se il tuo punto vita è particolarmente stretto, mentre spalle e fianchi risultano morbidi o nella media, il tuo è un fisico a clessidra.
Se sia le tue spalle che il tuo punto vita sono piuttosto stretti rispetto ai fianchi, il tuo fisico è a pera.

Detto ciò, Come si può scegliere l’abito perfetto la categoria alla quale appartieni? Te lo spiego nel punto numero 3!

Ci sono poche regole per ciò che riguarda la scelta dell’abito. Prima fra tutte: scegli un abito che piaccia a te. Cerca di lasciare i gusti altrui fuori dalla tua scelta, per quanto sia difficile farlo. 

Seconda regola fondamentale: lasciati guidare dai consigli di chi è lì per te! E qui facciamo una precisazione: non mi riferisco a chi ti accompagna fisicamente in atelier (la mamma, la sorella o la migliore amica), ma persone che in atelier ci lavorano tutti i giorni, che negli anni hanno vestito centinaia di spose, e che saranno sicuramente in grado di consigliarti  al meglio sulla scelta migliore per te.

E’ questo il motivo per cui nel punto 1 ti dicevo che è molto importante la scelta dell’atelier ancora della scelta dell’abito: la persona che ti aiuterà nell’acquisto deve essere competente, formata, insomma una persona di cui ti puoi fidare e con cui riesci a creare relazione ed  entrare in empatia.

3. Lasciati guidare dai consigli di chi è lì per te.

scegliere abito sposa

Anna, la titolare dell’atelier “Lady Anna” a Sedriano, insieme ai suoi meravigliosi abiti da sposa.
Ph. Riccardo Bonetti Photography

Sarai piena di altre domande. Lo capisco. E immagino che sicuramente io non abbia dato risposta a tutte quelle che avevi con questo articolo.
La buona notizia è che prenotando adesso una consulenza gratuita e senza impegno, sarò in grado di poterti rassicurare e rispondere ad ogni tuo questito.
E se ancora non bastasse, voglio darti l’opportunità ENORME di provare GRATIS la KiwiExperience, l’unica esperienza strutturata sul metodo 3D, che vi accompagnerà nella vita nuziale attraverso un percorso di consapevolezza e conoscenza del partner.

Ci stai ancora aspettando? Perché fartelo raccontare quando puoi vivere questa esperienza? 😉